Amore coniugale

Commenti (0) Primo Piano

Senza titolo-1

Quasta am là cuntà un me amigh duttor d’cundotta d’un paes attes al nostar; un gioran d’ista gh riva in ambulatori una spuslotta cla dis: “Duttor, faghia ben sa vagh al mar?” “Certo, anche se non sei mala­ta l’aria marina ti farà bene”. “Però… a ghè un però… al puttin al va in colonia e me mari al gh’ha di impegn… “E allora?” ‘Alora andarev via da par mè”. “Non vedo controindicazioni; anzi le vacanze separate possono portare vantaggi alle coppie”. (Acsì dis al duttor cl’è muderen e agiurnà…).

Dop dò stmani la spuslotta, tutta negra, la torna in ambulatori e la dis: “Duttor al ringrazi dal consiili, a i-hò propria punsà e am sun propria divertida!” “Bene, bene e adesso come stai?” “Ben, però però… agh dèv cuntàr un fatt; al mar a i-ho incuntrà un me vecc amigh da scòla cal m’à fatt tanta cumpagnia; troppa dirèv, specialment l’ulti­ma sira, a la festa d’addio!” “Non voglio sapere altro! Queste cose eventualmente le dirai al prete!” “No, no, al digh al duttor parchè cal disgrazià al m’ha fatt un bel regàl; al m’ha tacca na malattia!” “Bè allora… vediamo… non è grave, ecco le cure; guarirai in pochi giorni- ma in avvenire fai a modo!” “Grazie duttor! E al perdona al dasturb!”‘

Dop tri dì la spuslotta la torna: ‘Allora sei guarita?” “Si duttor, però,… però… a i-ho paura cal sia mala mi mari!” “Bene digli di veni­re da me che lo curerò”. “Mo duttor, mi mari l’am mazza sal’sa cal robi chi! ‘ “Il problema è tuo, non posso certo andare io da tuo marito a dire di curarsi!” “Duttor, pinsarò, a strulgarò quell!”

Dop tri dì al mari al va in ambulatori e al dis: “Duttor a dmand scusa s’al dasturb probabilment par gnènt parchè mi a stag benissum- ma mi muier da quando c’lè turnada dal mar l’as preoccupa tant d’la me salut; la dis ca i-ho na gran brutta toss in d’la nott, c’lan pol minga durmir parchè a m’agit tutt, la num ved minga bel; mi an sò cosa pin­sar parchè ad gioran a stag da Papa, a i-ho na fam da sunador, na forza da leon, an gò gnanc un colp d’toss, e a lavor senza fadiga, ma mi muier l’ha tant insisti ad’giand ca sem dna cert’età cas’ dvem preoc­cupar pr’al puttin, cha al gioran d’incò an sa mai, c’la sintì par TV “meglio prevenire le malattie”, fagand analisi e curi e n’aspitar minga tropp. Duttor an’arev mai più critt che mi muier l’am vlessa acsì bèni”

Mantovani Giovanni Uguzzoni

Tratto da Roncole…racconta anno 2006

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *