Dicembar dal 1510 – Na pcaria fora dal normal, a la Mirandla

Commenti (0) Ubaldo Chiarotti racconta

SAMPON IGP 1

Na pcaria fora dal normal a la Mirandla in dicembar dal 1510

Sincsentdes ann fa ad chi sti gioran a la Mirandla i tacava a purtar dentar in sità tutt i porc ca gh’ira in dal campagni ad Quarentul, ad Sivdal, Mursol, San Marten Caren, Santa Giustina Vigona, parchè des an prima col trataa segret ad Granada (minga quela da spasar in dla stala…) i spagnoi e i frances i’an cuminciaa i dusent ann ad guera tra d’lor, ma a cà nostra in Italia e Mirandla par l’importensa ad la so pusision geografica, l’an n’à minga schivaa una.

Donchina, ira apena tacaa la Guerra della Lega di Cambrai e Giovan Francesco, al sio dal filosof, al vliva turnar padron ad la so Mirandla, ma Francesca Trivulzio, vedva ad Ludovico I°, la n’in vliva saver ad mular al redni e acsè lù l’iva dmandaa aiut a Giulio II° e par questchè invidaral a na guera, l’ira acme invidar n’oc a bevar…. !

Alora,  l’esercit ad Giulio II° l’ira adreee a rivar e la Francesca Trivulzio, l’iva pinsaa che i porc l’ira mei averi dentar in sità da magnar par i mirandules, inveci ad lasari fora ca i’arev magnaa i suldaa ad GiulioII°.

Na volta purtaa dentar però i porc i gh’ivan bisogn ad magnar, ma in piasa a la Mirandla, an gh’ira minga tenti giandi o furminton o remul da far la szota e alora a g’armagniva na solusion sola: cupar tutt i porc e far di salam e di cudghèn. A forsa ad cuparan e ad far di salam e di cudghèn però, i maslar mirandules i s’è res cont che in gh’ivan minga budei a suficiensa e fora da Mirandla, dopa al 19 ad dicembar ,an s’apsiva più andaran a cumprar parchè l’esercit ad Giulio II° al l’iva circundada. Pensa e ripensa cuma far, parchè enca se l’inveran l’ira piuttost fredd, a gh’ira al risc ad vedar marsir la carna, parchè i frigo in n’ira ancora staa invintaa, un di maslar a gh’è gnu n’idea; inveci ad butar via la codga dal gambi di porc, l’à pruvaa a dasvastirli sensa taiarli e a la fèn  al li à impinidi ad carna da cudghèn ….. bè mo l’à invintaa al sampòn ! In cal modo chè è staa salvaa la carna e a la fèn i mirandules i’han psu resistar più d’un mees sota assedi dal Papa Giulio II° che al gl’à cavada a scavalcar la mura sol al 20 da sznar dal 1511.

Na volta dentar Giulio II° l’à incuntraa la Francesca…..

Giulio II:

“Ma cum’iv fat a resistar tent temp in tenta gent?

V’à aiutaa par cas un qualc Sent?”

Francesca Trivulzio:

“I porc a ni psivan più sfamar

E quindi ì’ènan staa cupa tutt dai maslar

Che dopa aver insacaa tutt i budei

Faghend cudghen e salam szintii

I’hann dasvasti i gambon

con la pel i’hann fatt i sampon

che i’è gnuu pren bon

E agh n’ivan in ogni canton”

Giulio II:

Ma verament l’è n’idea favolosa

Atenti  ca n’av la copia i mudnes……

I’enan na ràsa dimondi ambisiosa……!”

Ubaldo Chiarotti e Gabriella Pincelli

Traduzione

Una pcaria  fuori dal normale a Mirandola in dicembre del 1510

Cinquecento anni fa, di questi giorni, alla Mirandola incominciavano a portare dentro in città tutti i maiali che c’erano nelle campagne di Quarantoli, Cividale, San Martino Carano, Santa Giustina Vigona, perchè, dieci anni prima, con il trattato segreto di Granada (non quella da pulire la stalla…), gli spagnoli e i francesi hanno incominciato i duecento anni di guerra tra di loro ma a casa nostra in Italia, e Mirandola, per l’importanza della sua posizione geografica, non ne ha schivata una.

Dunque, era appena cominciata la Guerra della Lega di Cambrai e Giovan Francesco, lo zio del filosofo, voleva tornare padrone della sua Mirandola, ma, Francesca Trivulzio, vedova di Ludovico I, non ne voleva sapere di mollare le redini e così lui aveva domandato aiuto a Giulio II, è per questo che, invitarlo a una guerra, era come invitare un’oca a bere…!

Allora, l’esercito di Giulio II stava arrivando e la Francesca Trivulzio, aveva pensato che i maiali era meglio averli dentro in città per darli da mangiare ai mirandolesi, invece che lasciarli fuori che gli avrebbero mangiati i soldati di Giulio II.

Una volta portati dentro però, i maiali avevano bisogno di mangiare ma, in piazza a Mirandola, non c’erano tante ghiande o frumentone  o remolo da fare la zuppa, allora ci rimaneva una soluzione sola: ammazzare tutti i maiali e fare dei salami e cotechini. A forza di ammazzare e fare dei salami e cotechini però, i macellai mirandolesi si sono resi conto che non avevano più budella a sufficienza e fuori Mirandola dopo il 19 di dicembre non si poteva più andare a comprare perchè l’esercito di Giulio II l’aveva circondata.

Pensa e ripensa come fare perchè, anche se l’inverno era piuttosto freddo, c’era il rischio di veder marcire la carne, perchè i frigo non erano ancora stati inventati, ad un macellaio è venuta un’idea; invece di buttar via la cotenna delle gambe dei maiali, ha provato a svestirli senza tagliarli e, alla fine, li ha riempiti della carne dei cotechini…bè mo ha inventato lo zampone.

In quel modo è stata salvata la carne e, alla fine, i mirandolesi hanno potuto resistere più di un mese sotto assedio del Papa Giulio II che è riuscito a scavalcare le mura solo il 20 gennaio del 1511.

Una volta dentro Giulio II ha incontrato la Francesca…

Giulio II:

“Ma come avete fatto a resistere tanto tempo con tanta gente?

Vi ha aiutato per caso un qualche santo?”

Francesca Trivulzio:

“I maiali non potevamo più sfamare

e quindi sono stati tutti ammazzati dai macellai

che dopo aver insaccato tutti i budelli

facendo cotechini e salami gentili

hanno svestito i gamboni,

con la pelle hanno fatto i  zamponi

che son venuti così buoni

e ne avevamo in tutti i cantoni.

Giulio II

Ma veramente è un’idea favolosa,

attenti che non la copino i modenesi…

E’ una razza molto ambiziosa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *