Preghiera in dialetto bolognese.

Commenti (0) Primo Piano

I nostri vecchi, spesso e volentieri, pregavano in dialetto. Nell’umiltà del linguaggio arrivavano al cuore del mistero cristia­no, interpretando secondo il modello di famiglia.

Fra queste Orazioni, una è notissima qui da noi: qualcuno dei più anziani magari la ricorda ancora e la dice al termine della giornata. Ascoltiamola, non per ripeterla alla lettera, ma per apprendere la lezione di chi sapeva parlare con Dio e parlare di Dio.

A let a let a voi andar

tott i Sant a voi ciamar

tri da cò e tri da pè

tott i Sant i en mi fradì.

El Sgnor l’è el mi bon pader.

La Madona la mi bona mader.

San Josef al mi bon paraint

ch’a posa durmir

sicurameint…

Quatar grazi vo an farì

consiòn, comunion, oli sant

e l’Alma mi

ch’a Dio a l’arcmand…

Chep spinos, pi trafè,

mein inciudè,

av dmand pardon d’tott

i me pchè.

Mader del bon Gesù,

dès la bona e santa not a no

ch’en sain degn ed derla a vo!

(Bologna – Leila Guggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *