“Ave Maria” in dialetto mirandolese

Commenti (2) Le nostre preghiere in dialetto

Cosa ne dite se incominciamo bene la giornata con l’Ave Maria tradotta in dialetto Mirandolese dalla Prof.Vanna Amadei?

Per credenti e non…, sicuramente non fa male a nessuno

Ave Maria

pina ad grazia!

al Sgnòr l’è tègh.

Ti at see pìna ad grazia

fra al dòni.

Benedett l’è al frutt dal to sen, Gesù.

Santa Maria, madar ad Dio,

prega par nuantàr pcador

adess e in dl’ora dla nostra mort.

Amen

2 Responses to “Ave Maria” in dialetto mirandolese

  1. marinella manicardi scrive:

    caro Barnardon vi seguo da mirandolese che vive in un altra città ma torna sempre volentieri a sentire dialetto, odori, ironia e gusto per la vita e il lavoro che ho imparato da piccola tra i muri di Mirandola.
    Mi spiegate il detto La vacca ad Maen e so surela? grazie

    • Fabrizio Artioli scrive:

      Scusa Marinella ma mi era sfuggita la tua richiesta.
      Probabilmente avrai già letto la risposta sulla nostra pagina fi Fb comunque te la trascrivo, è in dialetto ma essendo tu mirandolese spero riesca a leggerla.
      Premet che la surèlla dla Vaca l’è stada una licenza poetica invintada da Giorgio Morselli ch’al ma imprestà la fotografia ( a gh’è do vacchi, quindi una l’è la surèlla).
      Una version, la più accreditada l’attribuis a Giuseppe Gorni, architett-pittor e scultor ad Nuvolato la storia dal cuntaden Maen che, na volta l’ann, in ucasion dla fera dal so paes, al porta la muier al fiol e la so adorata vacca a vedàr appunto la fera.
      La seconda version, più maligna e più mirandulesa, la conta che stal Maen al gniva al marcà a Mirandola con la vacca, al cuntratava la vendita, al tirava a cà i sold e po, con un pretest, as purtava via la vacca pran’andarla a vendar n’antra volta da n’antra part. Da chè al dett, tutt mirandules, “ma va a ca….r te e la Vacca ad Maen!”
      Tersa version, as dascor ad “Cla vacca ad Maen” e a s’intend minga la povra bestia ma dla muier ad Maen d’un paes non meglio specificato. Par furtuna che sta storia l’è dimondi veccia quindi an riscem minga na denuncia, i en tutt mort!
      C’è stato un ulteriore strascico quando una nostra amica del gruppo (ti invito ad iscriverti)ha voluto chiarimentì sulla “sorella dla vacca ad Maen” e questa è stata la nostra risposta.
      A gh’era un cuntaden ch’als ciamàva Maen con na surèlla dimondi birichina, l’era talment tant bona d’anim ch’lan giva mai ad no.
      Maen al gh’iva anch na vacca, l’era al so orgoglio tant l’era bèlla e, pri so amigh, l’era dvintada “La Vacca ad Maen”.
      In paes tutt i tgnusivàn sta surella tant birichina, sopratutt al muier di so amigh ch’ivan tacaa a ciamarla “cla vacca a dla surella ad Maen”.
      L’è anch vèra però che Maen al gh’iva anch n’antra vacca cl’era so surella, ma l’an n’era minga acsè bèlla perciò i la ciamavan sol “la surèlla dla vacca ad Maen”.
      Quindi ricapitoland Maen al ghiva na gran vacca, na surella cl’era na vacca e n’antra vacca cl’era la surella dla vacca ad Maen.
      Chiaro adess Paola Mantovani !?
      Sperando di averti strappato un sorriso cordialmente ti salutiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *