Il calendario della S.O.M. 2020

Commenti (2) Natura e Territorio, SOM - Pettazzurro

CALENDARIO SOM 2020 - 1 COPERTINA

Titolo

Da sette anni la nostra associazione realizza un calendario fotografico/ornitologico con lo scopo di raccogliere fondi per le attività di ricerca che svolgiamo e per manutenere la piccola Oasi sulla quale risediamo. Quando siamo partiti con questa idea non pensavamo che sarebbe presto diventato un importante strumento di divulgazione atto a calamitare verso l’associazione numerosi appassionati sia di fotografia naturalistica che di ornitologia e birdwatching.

Visto il crescente successo di questa importante pubblicazione, ci è venuta l’idea di organizzare una giornata per la sua presentazione nella quale concentrare alcune delle nostre attività di divulgazione invitando associazioni e relatori di fama nazionale. E’ nata così la FESTA DELLA SOM, che si svolge ormai da 4 anni nella seconda domenica del mese di ottobre e che è diventato un appuntamento fisso per molti appassionati e professionisti del settore che in questo appuntamento trovano l’occasione per trovarsi in modo informale e amichevole e condividere insieme la stessa passione per la ricerca scientifica e la natura. Come Associazione siamo orgogliosi di questo risultato, perché mette in evidenza il frutto dei nostri sforzi profusi per organizzare decine e decine di eventi di divulgazione, corsi e attività di ricerca scientifica. Domenica 13 ottobre è stata la volta della presentazione del calendario del 2020 ed è andata pressappoco così:

A levante stamattina il sole fa fatica a fare capolino; una cortina di nebbia, la prima vera nebbia di questo “strano” autunno, rallenta la sua luminosità e solo una palla rosata riesce a trapelare tra il fitto banco che giace all’orizzonte.  L’appuntamento è per le 8, oggi ci aspetta una giornata campale, che alla fine poi si rivelerà fantastica. Ancora nessuno degli ospiti è arrivato, sappiamo per certo che il nostro relatore è sceso dal treno ieri sera a Reggio Emilia, preso in custodia dal nostro Nunzio Grattini e proprio a casa di Nunzio c’è il punto di incontro per chi arriva dalle province più interne della Lombardia.

Completiamo gli ultimi preparativi, oramai ognuno sa quello che deve fare, ci capiamo al volo, e qui sta la forza del nostro gruppo: c’è chi appronta la sala, chi predispone le panche ed i tavoli, colleghiamo il video proiettore, mannaggia il pc non legge la chiavetta, primo intoppo, bisogna rimediare immediatamente. Risolto il problema, nel frattempo ecco arrivare gli ospiti, prima alla spicciolata, poi piano piano ad ondate successive, il cortile è un brulicare di persone. Si formano i primi capannelli, arrivano in tanti, da Modena, da Bologna, Mantova, Ferrara e Verona e piano piano la sala si riempie. Alle dieci siamo pronti. Solo un quarto d’ora (accademico) di ritardo. Parte Valentina che dà il benvenuto a tutti: questa è oramai la quarta volta che ci incontriamo per fare il punto di dove siamo e di dove vogliamo andare; questo nostro appuntamento è oramai diventato uno di quelli da cerchiare in rosso sul calendario ed al quale non si può mancare. Due parole per illustrare il programma della giornata e passa la parola al neo Sindaco di Mirandola Alberto Greco, che ci ha omaggiato della sua presenza, e incoraggiato a continuare su questa strada, anche l’Assessore alla promozione del territorio Fabrizio Gandolfi, è venuto a farci visita per toccare con mano il risultato del nostro lavoro che gli avevamo illustrato in un precedente incontro.

Comincia così la prima parte della nostra giornata, con Carlo che ci ha illustrato le attività che abbiamo realizzato in questi ultimi 12 mesi: conferenze, corsi, incontri ad invito, progetti con le scuole. Alla fine del 2019 sommando tutti questi eventi ci ritroviamo a contare ben 25 giornate di attività che, escludendo i mesi di chiusura estiva e la pausa natalizia, risultano essere 3 appuntamenti al mese.

Oltre alle attività di divulgazione a all’attività didattica, il nostro impegno si focalizza anche e soprattutto sulla ricerca scientifica sul campo. Portiamo così avanti numerosi progetti come i censimenti mensili degli uccelli acquatici e le ricerche condotte sul campo dalla Dottoressa Daniela Campobello (UNIPA)  con la collaborazione del Prof. Bruno Massa (UNIPA), l’aiuto di Martina Esposito (laureanda di UNIMORE) e di tutto lo staff della SOM.

Non dimentichiamo poi che questa giornata è dedicata alla presentazione del nostro calendario 2020: Una pubblicazione di alto valore fotografico naturalistico, ma anche ornitologico, ad ogni specie illustrata è infatti dedicata una descrizione dettagliata con relativo calendario fenologico. Quest’anno, ad essere rappresentati, è toccato alle specie di uccelli più colorati, l’abbiamo così chiamato “Gli Uccelli dell’Arcobaleno”, ma non vogliamo svelare nulla di più, vi diciamo solo che non può mancare nelle vostre case e vi invitiamo a venire a trovarci per vederlo di persona. Oltre al magnifico calendario, da alcuni anni pubblichiamo anche dei poster raffiguranti gli uccelli italiani divisi per specie, vere e proprie opere d’arte, disegnati e dipinti a mano dal nostro direttore Carlo Giannella.

Dopo i ringraziamenti di rito, la parola è passata al relatore, lo special guest di oggi è il Dott. Corrado Battisti del Servizio Parchi della Città Metropolitana di Roma.

Corrado è reputato essere uno dei maggiori ecologi italiani, è autore di oltre 250 pubblicazioni su riviste specialistiche italiane ed internazionali e di almeno 7 libri a tema ornitologico o dove gli uccelli sono parte di un ecosistema. Corrado è venuto per parlarci non di ornitologia spicciola o di una specie in particolare, ma di come affrontare e risolvere i problemi di gestione di una zona umida.

Nel Lazio, ha maturato la sua esperienza pluridecennale creando e gestendo l’Oasi di Torre Flavia (Roma), che è una piccola zona umida retrodunale di circa 40 ha stretta tra le città di Cerveteri, Ladispoli ed il mare e nella quale gli uccelli sono solo una delle componenti del monumento naturale di questo ecosistema. L’approccio che Corrado ha applicato in questi anni è stato oggetto del suo intervento. Quindi non un tema ornitologico ma un problema di gestione (da consulente aziendale): “Problem-solving nella gestione di una zona umida”, questo il titolo della sua relazione.

Il modo accattivante di presentare le decine di diapositive ha letteralmente calamitato tutta la platea, e così un argomento apparentemente “ostico” è scivolato via senza intoppi. Il suo intervento è stato arricchito da piccoli aneddoti, perle di saggezza, successi ma anche numerosi insuccessi, che ha maturato in questi anni di gestione; perché anche gli insuccessi sono fonte di ricchezza e servono anche ad arricchire il proprio bagaglio di esperienze, tutto questo ha ulteriormente arricchito il suo intervento che è stato apprezzato da tutti.

Commenti  e curiosità (tante) sono poi proseguite davanti al lauto rinfresco offerto dai volontari e meticolosamente preparato dalla nostra “cuoca” Rossella Casari  che ha sapientemente abbinato  tutto il meglio che la gastronomia locale sa offrire. Non è mancata la torta di compleanno per il festeggiato di turno, ricorreva infatti il compleanno di Corrado e non potevamo non ringraziarlo in modo migliore.

Il fischiante volo dei germani reali, il fruscio di sciametti di alzavole, lo zirlare dei tordi, il flautare melanconico dei chiurli hanno di tanto in tanto allietato la giornata, ma è stato lo starnazzare delle oche selvatiche in volo sopra la nostra oasi, la colonna sonora che ci ha accompagnato per tutta la giornata.

Al momento della dipartita dei nostri graditi ospiti, come d’incanto, dalle vasche si sono involati migliaia di uccelli che hanno disegnato coreografie fatte di  intrecci e scivolate  d’ala nel grigio cenere del cielo del pomeriggio avanzato. La valle è anche questo.

Un ringraziamento speciale va in primis a tutti i volontari che, senza di essi, tutto questo non sarebbe stato possibile, all’Amministrazione Comunale, al relatore Corrado Battisti e a tutti gli amici che ci seguono nelle nostre attività con il loro supporto e la loro partecipazione. Arrivederci al prossimo anno.

Carlo Giannella

Valentina Bergamini

CALENDARIO SOM 2020 SECONDA PAGINA

CALENDARIO SOM 2020 - 2 GENNAIO

CALENDARIO SOM 2020 - 3 FEBBRAIO

CALENDARIO SOM 2020 MARZO - 4

CALENDARIO SOM 2020 - 5 APRILE

CALENDARIO SOM 2020 - 6 MAGGIO

CALENDARIO SOM 2020 - 7 GIUGNO

CALENDARIO SOM 2020 - 8 LUGLIO

CALENDARIO SOM 2020 - 9 - AGOSTO

CALENDARIO SOM 2020 - 10 SETTEMBRE

CALENDARIO SOM 2020 - 11 OTTOBRE

CALENDARIO SOM 2020 NOVEMBRE - 12

CALENDARIO SOM 2020 - 13 DICEMBRE

2 Responses to Il calendario della S.O.M. 2020

  1. Chiara Manicardi scrive:

    Buongiorno! Come è dove si può acquistare il calendario?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *