Domenica 22 Maggio a San Possidonio – Concerto dell’orchestra Spira Mirabilis

Commenti (0) Archivio

photo_2022-05-17_15-43-20

Comune di Medolla,
È l’evento musicale voluto dall’Unione dei Comuni per il decennale del sisma del 2012: sarà domenica 22 maggio con un concerto dell’orchestra Spira mirabilis al Palazzurro di San Possidonio, alle ore 18. Eseguiranno un capolavoro sinfonico, la Quarta sinfonia di Gustav Mahler.

Il concerto sarà gratuito ma è consigliata la prenotazione telefonando al numero 0535 21102 (dal lunedì al sabato, ore 9 / 11.30). È possibile anche la prenotazione online al seguente link: https://bit.ly/SpiraMirabilis-BoxofficeDIY

È stata una scelta naturale quella della Spira mirabilis per ricordare in musica il decennale del sisma: l’orchestra di fama internazionale, formata da strumentisti di tutto il mondo che ha la sua residenza artistica a Formigine, dai giorni del sisma ha scelto di ‘allargare’ la propria casa alla Bassa, di colpo privata dei sui teatri storici. Dai giorni immediatamente successivi al sisma ad oggi, lungo questi dieci anni, Spira mirabilis ha suonato in ogni comune della Bassa. Con l’appuntamento di San Possidonio giungeranno a 26 i concerti sinfonici e non di Spira mirabilis nella Bassa Modenese dai giorni del sisma, instaurando una speciale relazione con la Fondazione Scuola di Musica Andreoli.

“𝐷𝑖𝑒𝑐𝑖 𝑎𝑛𝑛𝑖 𝑑𝑜𝑝𝑜 𝑞𝑢𝑒𝑙 𝑚𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑑𝑒𝑙 2012 – spiegano gli stessi Spira mirabilis – 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑡𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑙𝑒 𝑐𝑜𝑠𝑒 𝑑𝑎 𝑟𝑖𝑐𝑜𝑟𝑑𝑎𝑟𝑒: 𝑙𝑎 𝑝𝑎𝑢𝑟𝑎, 𝑖𝑙 𝑑𝑜𝑙𝑜𝑟𝑒, 𝑙𝑎 𝑓𝑎𝑡𝑖𝑐𝑎, 𝑙𝑜 𝑠𝑐𝑜𝑛𝑓𝑜𝑟𝑡𝑜; 𝑚𝑎 𝑎𝑛𝑐ℎ𝑒 𝑖𝑙 𝑐𝑜𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜, 𝑙𝑎 𝑑𝑒𝑡𝑒𝑟𝑚𝑖𝑛𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒, 𝑙𝑎 𝑠𝑜𝑙𝑖𝑑𝑎𝑟𝑖𝑒𝑡𝑎̀, 𝑙𝑎 𝑠𝑝𝑒𝑟𝑎𝑛𝑧𝑎. 𝑄𝑢𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑓𝑎𝑐𝑒𝑚𝑚𝑜 𝑖𝑙 𝑛𝑜𝑠𝑡𝑟𝑜 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑜 𝑐𝑜𝑛𝑐𝑒𝑟𝑡𝑜 𝑎 𝐶𝑜𝑛𝑐𝑜𝑟𝑑𝑖𝑎 𝑓𝑜𝑟𝑠𝑒 𝑛𝑜𝑛 𝑖𝑚𝑚𝑎𝑔𝑖𝑛𝑎𝑣𝑎𝑚𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑛𝑒 𝑠𝑎𝑟𝑒𝑏𝑏𝑒𝑟𝑜 𝑠𝑒𝑔𝑢𝑖𝑡𝑖 𝑡𝑎𝑛𝑡𝑖 𝑎𝑙𝑡𝑟𝑖 𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑢𝑛 𝑔𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑣𝑖𝑐𝑖𝑛𝑎𝑛𝑧𝑎 𝑒𝑠𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜𝑟𝑎𝑛𝑒𝑜 𝑠𝑎𝑟𝑒𝑏𝑏𝑒 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑛𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑛𝑒𝑙 𝑡𝑒𝑚𝑝𝑜 𝑢𝑛 𝑟𝑎𝑝𝑝𝑜𝑟𝑡𝑜 𝑑𝑢𝑟𝑎𝑡𝑢𝑟𝑜 𝑒 𝑝𝑟𝑒𝑧𝑖𝑜𝑠𝑜 𝑡𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑣𝑜𝑖 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑛𝑜𝑖. 𝐼𝑛𝑐𝑟𝑒𝑑𝑖𝑏𝑖𝑙𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒, 𝑐𝑖𝑜̀ 𝑐ℎ𝑒 𝑑𝑖𝑠𝑡𝑟𝑢𝑔𝑔𝑒 𝑓𝑖𝑛𝑖𝑠𝑐𝑒 𝑎 𝑣𝑜𝑙𝑡𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑢𝑛𝑖𝑟𝑒. 𝐸 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑎 𝑢𝑛𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑡𝑟𝑎 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑒 𝑒 𝑃𝑎𝑒𝑠𝑖, 𝑑𝑜𝑝𝑜 𝑑𝑢𝑒 𝑎𝑛𝑛𝑖 𝑑𝑖 𝑠𝑒𝑝𝑎𝑟𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑓𝑖𝑠𝑖𝑐𝑎 𝑒 𝑛𝑒𝑙 𝑝𝑖𝑒𝑛𝑜 𝑑𝑖 𝑢𝑛𝑎 𝑔𝑢𝑒𝑟𝑟𝑎 𝑎𝑡𝑟𝑜𝑐𝑒, ℎ𝑎 𝑝𝑒𝑟 𝑛𝑜𝑖 𝑜𝑔𝑔𝑖 𝑢𝑛 𝑠𝑖𝑔𝑛𝑖𝑓𝑖𝑐𝑎𝑡𝑜 𝑒 𝑢𝑛 𝑣𝑎𝑙𝑜𝑟𝑒 𝑎𝑛𝑐𝑜𝑟𝑎 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑔𝑟𝑎𝑛𝑑𝑖”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *