Dal 6 Ottobre – Stagione Teatrale 2018

Commenti (0) Eventi

dal 6 novembre prosa

Per il quarto anno consecutivo, la collaborazione tra Comune di Mirandola e ATER-Associazione Teatrale Emilia Romagna, Circuito Regionale Multidisciplinare, si concretizza con i titoli della Stagione teatrale 2018/2019.

Un grande impegno, undici spettacoli che si distinguono per varietà e struttura – otto di prosa, uno di teatro comico musicale, uno di danza contem­poranea, un concerto – volti a portare all’Auditorium nomi di punta del panorama teatrale e musicale italiano.

Per offrire agli spettatori spunti di riflessione a più livelli riconfermata la rassegna di film, preceduti da aperitivi presso il foyer, atti­nenti ad alcuni degli spettacoli stessi.

Si va da classici come “Sei personaggi in cerca d’autore” di Luigi Pirandello messo in scena da Michele Placido nella doppia veste di regista e attore o come “Odissea” ambientata ai giorni nostri da Mario Perrotta, a ritratti femminili forti come le donne di “Tutta casa, tetto e chiesa” di Dario Fo e Franca Rame nell’interpretazio­ne di Valentina Lodovini o come l’inconsueta “Mirandolina” di Amanda Sandrelli ne La locandiera di Carlo Goldoni.

Tanto l’interesse per “L’abito nuovo” unico sodalizio tra Pirandello ed Eduardo con la regia di Michelangelo Campanale, per “L’av­voltoio” diretto da Cesar Brie tratto da una inquietante storia vera avvenuta in Sardegna, per “Totò e Vicé” della stralunata coppia Vetrano/Randisi.

Nell’ambito del progetto della Re­gione Emilia-Romagna “Teatro e Salute Mentale” è proposto l’appuntamento “Vite senza permesso, trame migranti” origi­nale e attualissimo spettacolo sui migranti e sulle migra­zioni interpretato dalla Compagnia Il dirigibile. Si rìderà con “La Bibbia” riveduta e scorretta degli Oblivion, si rifletterà sul rapporto tra gesti e parole nel balletto “The Kitchen Theory” di DaCru Dance Company, ci si emozionerà con “Amore che vieni, amore che vai” dedicato alle donne di Fabrizio DeAndré con musicisti come Fabrizio Bosso e Cristina Donà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *