La lettra ad Nadàl – Audio – Letta da Brunetta Panzani

Commenti (2) Racconti multimediali

 Par Nadal, quand l’è l’ora dal disnaar e a s’è béla che a tavla par magnaar, al me’paes a gh’è ‘na tradisioon ch’an n’em ancora miss in un cantoon.

Bela la tvaia, più bela ancoor l’usansa che l’impiniss al cor più che la pansa, tutt i ann i bagaétt igh’ha al magoon ad duér far un att ad contrisioon

E par iscritt i fan dal gran tundàdi da chi a du dì già bela dascurdadi. La madra, cl’è d’acord e l’è rufiana, (e la scriv anch’al  lettri dla Befana)

la guarda al piat davanti a so’ mari e l’agh fa segn ch ‘al serca propria lì: “Guarda mo ben, che anca st’ann to’fiool al t’ha lugaa ‘na letra in dal tvaiool!”

Al padr’al  fa di squars e meravigli, agh fa dla cera, e al tira in là al butigli. “Ma cusa a gh ‘è? Par chi mai la sarà?” su la busta a ghè scritt: Al mio papà.

Al vera adàsi, e tutt i sta a guardaar tgnend in man al bicier, pront a scultaar. Bèla la letra, pina ad brilanteen, con al paesagg da sfond fat a gradeen

e tutt i personagg in prospetiva, e davanti un pastor con la so ‘piva, e al righi fini fini pr’an sbagliar, stand ben atenti dan’duer scanslar.

Tanti al paroli, bela la scritura:

al padr’in gola al gh’ha già un poc d’arsura.

Al taca a lesar, e al fa la senegiàda;

al les fort, con la vos emosionada.

Al bagaet al dmanda al so’pardoon se al na n’è minga staa dimondi boon. Al prumett da dvintar brav  sensa visi: basta con i sciafoon dopo i caprìsi!

Basta con bàli, spapuli e tignadi: ai sarà al fiol più bon che a imaginadi,al na darà motìv che lu al s’imbraga e angh ‘sarà più ragion pr’aver la paga.

Al papà, che l’è tendar ad picaia,

l’è già comoss. e als tira adree la tuaia,

ma al mugugna: “A sarà c ‘am  soon scurdaa,

ma las sumiglia a quéla dl’anpasaa!.

Però l’ha fat da boon di bei pinseer!” E intant ch ‘al gh è l’arbalta anc ‘al bicieer. “Bè, mo, alegrìa!’E a casca i brilanteen para para zò dritt dentr’in dal veen.

Al bon lambrusc al spuma e al fa gioir: “Dai, mo, puvreen, che a gh’alfarem  sintiir!” – e al guarda al fiól ch’ al par un angiulon -“Pensa mo te: stavolta al dventa bonn!!

Cuntinuand sota i bafì a gongolar, la razdora la taca a immanastraar, mentr’al mari: “Savii cus’ho pinsaa? Ch ‘agh dag la mancia cume l’an pasaa!”

I nonn, catand la scusa d’un uciaal, sota la tavla is tacan a sfargaar, po ‘ i cucìaar tutt insém is levan su e a gh’ aa  inìsi al gudióol da sta menù.

Ma in dal silensi dla degustasioon a salta su al papà con emosioon:

“Con sti bei quéi ch ‘al scrivv e che al prumett,

am paar ch ‘i sian più boon fin i caplétt!!!”

 

Brunetta Panzani

2 Responses to La lettra ad Nadàl – Audio – Letta da Brunetta Panzani

  1. roberto bellini scrive:

    Emozionante e magica poesia.Leggendola pian piano ho rivissuto l’atmosfera di quei natali di quasi 60 anni fa’ e per un momento mi e’ sembrato persino di risentire il profumo del brodo di cappone che bolliva con i cappelletti fatti qualche giorno prima dalle donne di casa.Bella ( di quelle lettere ne conservo ancora una tale e quale a quella descritta nella poesia). Complimenti e Buon Natale a tutti.

  2. franco guerra scrive:

    bellissima, complimenti, saggezza popolare un esempio per mettere in mostra un modo semplice, trasmettere valori e volontà del fare, una realta della vita dei tempi dove “lavoro pane e casa erano nel sogno di tutti” buona vita sempre

Rispondi a roberto bellini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *