Un amor in Francia Corta

Commenti (0) Primo Piano

stemma del principato di franciacorta

Un amore in Francia Corta

Francia Corta è il nome di un antico quartiere della Mirandola, che si elegge a “libe­ro Principato”. Il suo stemma è una sporta di raffia rotta dalla quale escono due gambi di cipolloni.

Quand a s’era un “bel” zuvnott am piasiva na ragazza, sbirra, svelta c’m’è na gazza e agh pinsava dì e nott.

Purtropp l’era na “straniera” che la stava in Francia Corta l’era suddita d’la “Sporta”, ma l’amor angh’ ha frontiera.

A rivava in d’la sò strada gioran pin o a mezzanott con un mazz ad zivulott par cantar l’inserenada.

A scherzava: “A t’ho purtà al tò stemma, al tò Blason; vérra, fatt in dal “veron par scultar st’innamurà”.

Da la fnestra lè l’am dgiva:

“An poss minga tòrat té, parchè a sòn fiòla dal Re” e in cal mentar la pianziva.

Oh! Che rabbia, che dulor, che ingiustizia, che dispetti “Tòm almeno tegh a lett anch s’a son sol un duttor!”.

Lè l’am dgiva pian pianen:

“Té, at sé sol un spurcaccion”.

E sarand al sò balcon l’arn mandava dù basen.

Mé in dal post di zivulott a gh’aviva un mazz ad fior, fior par lé, pr ’ al nostr ’ amor… quand a s’era un bel zuvnott.

Un amore in Francia Corta.

Quando ero adolescente / mi piaceva una ragazza / bella, furba, un poco pazza / m’era sempre nella mente. // Per sfortuna era straniera, / abitava in Francia Corta, / era suddita alla “Sporta” / ma l’amor non ha frontiera. // Nei Quartieri passeggiavo / notte e giorno a tutte l’ore / per parlare del mio amore. / Per scherzare la burlavo. // Le dicevo: “T’ho portato / le cipolle, il tuo Blasone. / Presto, affacciati al balcone / per sentir st’innamorato”. // Lei diceva con dolcezza: / “Io non posso sposar te / perché son figlia del re”. / E piangeva con tristezza. // “Oh che rabbia, che dolore / che ingiustizia e che dispetto! / fammi entrare nel tuo letto, / anche son sol dottore”. // Rispondeva pian pianino: / “Sei un grande sporcaccione” / e chiudendo il suo balcone / mi mandava un bel bacino. // Mi sparivano gli affanni / con quel bacio, dell’amore; / nelle mani avevo un fiore / … ed avevo diciott’anni.

Tratto da: “La Mia Mirandola” – Raccolta di studi sulla storia, l’arte e il folclore della città dei Pico per l’80° compleanno dell’autore.

Autore: Vilmo Cappi

Anno: 1999

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *