Sanità e Viabilità – Considerazioni di Ubaldo Chiarotti

Commenti (0) Racconti

Senza titolo-1

A volte fatico a comprendere i miei concittadini mirandolesi…… o semplicemente sono io che non capisco.

Veniamo ai fatti, ricordo che il nostro Sindaco Alberto Morselli, il quale autorizzò la circolazione a senso unico in circonvallazione, circa metà del suo mandato, fu contestato in modo pesante sino al punto di vedere stampate centinaia di magliette con su scritto: Alberto Morselli non è il mio Sindaco!  Pensate un po’, tutto questo principalmente per aver autorizzato la circolazione a senso unico in circonvallazione, sembrava che avesse depredato la nostra città; sino al punto da convincere il PDS a non ricandidarlo nel 1999!

Ma come era arrivato Alberto Morselli ad autorizzare la circolazione a senso unico?

Una serie di incidenti gravissimi in circonvallazione causati dai camion che vi transitavano e si incrociavano nei due sensi, a causa della mancanza di una tangenziale che li facesse deviare dal centro città. La bretella Est era ancora in costruzione.

Per capire come mai mancava ancora la tangenziale sulla SS12, bisogna fare un passo indietro al 1989 quando l’UNITA’ pubblicava: Vittoria del PCI, stanziati dall’ANAS 15 miliardi per la tangenziale di Mirandola, e qui in centro alla nostra città di fronte al Municipio, rimase esposto un cartellone alto circa 2 m e largo 1,5 per sei mesi che riportava a caratteri cubitali: VITTORIA DEL PCI, STANZIATI DALL’ANAS 15 MILIARDI PER LA TANGENZIALE DI MIRANDOLA …………..  .  Dopo sei mesi quel cartellone fu tolto, e dopo circa un anno e mezzo, nel 1991 fu convocata da Maino Benatti segretario del PCI, una conferenza sulla viabilità di Mirandola in Sala Granda con assessore provinciale alla viabilità il quale parlò per più di un’ora senza mai dire nulla sulla nostra tangenziale, al che appena il pubblico potè intervenire alla prima domanda:” dove fossero finiti i 15 miliardi della nostra tangenziale?”. Risposta: “il progetto non era pronto…… e allora li abbiamo spesi in tangenziale a…….. Modena”

Quante volte sarà accaduto che la Provincia abbia chiesto i finanziamenti per Mirandola, “dimenticandosi di approntare i progetti esecutivi, così poi era costretta a spenderli a… Modena?”.

Ad onor del vero, dopo varie peripezie, avvio dei lavori, sospensione, fallimenti di ditte incaricate, “grazie al terremoto” almeno il primo stralcio dopo appena 15 anni, è stato terminato….. Quanti terremoti serviranno per terminare la nostra tangenziale, quanti ancora per la tangenziali di S.Prospero, Sorbara, e Bastiglia?

Ora vorrei confrontare la situazione che ci troviamo a vivere col nostro ospedale che grazie alla firma del nostro Sindaco Maino sul PAL 2011-2014 è stato DECLASSATO ed avviato al triste declino della trasformazione in Poliambulatorio con annesso cronicario e con mancanza CRONICA dei posti-letto. Dunque penso che tutto ciò sia ben più grave del fatto di aver trasformato la circonvallazione a senso unico, ma complice anche il terremoto del 2012, è accaduto che questo Sindaco stavolta non sia praticamente stato contestato e nel PD non si sono nemmeno posti il problema se candidarlo o meno nel 2014, addirittura è stato confermato senza nemmeno passare attraverso le primarie…….!

Forse con le tangenziali sopracitate, che permetterebbero tempi ridotti nel tratto Mirandola-Modena-Baggiovara, anche i sacrifici vigliaccamente imposti al nostro ospedale con la scusa del terremoto potrebbero  essere meno pesanti!

Maaa….. allora i mirandolesi hanno adottato due pesi e due misure per questi due sindaci dello stesso partito?

Maaa…. allora anche il partito di governo della città ha adottato due pesi e due misure verso i due Sindaci citati?

Un dubbio mi assale,vuoi vedere che Alberto Morselli, Quarantolese DOC, ha risvegliato la rivalsa ancestrale dei mirandolesi contro quella antica e ben più importante Corte di Quarantoli da cui essi sono dipesi sino al 1470 e si sono vendicati contro quel Sindaco-podestà,  dalla quale egli proveniva?

Quarantoli 11/12/2017

U.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *