La Torta Sbrisolona – “Sbrisulona”

Commenti (0) Ricette della Bassa

Nei territori della bassa le tradizioni modenesi si stemperano con quelle reggiane e mantova­ne. Questa connotazione territoriale ha portato ­la nostra cucina ad essere sempre più influenza­ta e contaminata dalle rispettive tradizioni culinarie. Così questa ricetta della Torta Sbrisolona tipicamente mantovana, è ormai dilagata in tut­ta la provincia di Modena e viene realizzata in ambito domestico per la sua relativa facilità di preparazione e per la sua grande appetitosità.

L’uso di due diversi tipi di farina permette di ottenere durezza e croccantezza del dolce così come vuole la tradizione.

Ingredienti:

130 gr. di zucchero

6 amaretti

50 gr. di nocciole (già pulite dal guscio)

50 gr. di mandorle

130 gr. di farina di grano duro

130 gr. di farina bianca 00

buccia grattugiata di un limone

125 gr. di burro

un tuorlo e 1 uovo intero

3 cucchiai di Marsala secco o Sassolino

Tritate grossolanamente le nocciole e le mandorle poi unitele, in una terrina, con gli amaretti tritati manualmente e 50 gr. di zucchero. Mescolate bene il tutto. In un’altra terrina in ceramica ponete le fari­ne (miscelate tra loro) al centro, poi incorporate lo zucchero rimanente (80 gr.), la buccia di limone grat­tugiata e 1/4 del composto di nocciole e mandare.

Miscelate per rendere il composto omogeneo poi incorporate il burro ben ammorbidito a tocchetti, le uova e il liquore scelto. Lavorate velocemente l’impasto con le mani in modo da ottenere come delle briciole grossolane. Secondo la tradizione la pasta va solo come “pizzicata”, non lavorata a mani piene.

Stendete la pasta in uno stampo imburra­to, senza schiacciarla, e spolverandola con il terzo di miscuglio di nocciole e mandorle tenuto a parte.

Cuocete la torta in un forno caldo a 175° per 35 minuti circa. Sfornatela e lasciatela raffreddare. Va servita, secondo la tradizione, rompendola con il dorso di un cucchiaio.

Tratto da : La cucina contadina modenese – Autore Sandro Bellei

Edizioni CDL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *