La barzelletta della Lory del lunedì

Commenti (0) Primo Piano

Jusfen e Ghirard i è drè pasegiar in dla vall, riva un temporal e, tutt bagnà i catan ospitalità, par la nott, in na cà ad campagna, abitada da na dona zovna e vedva da pooch.

“Mè marè l’è mort sol da soquant mees e, an voi, ch’i mè davsent i possan dascorar maal ad mè quindi, par piaser, andà a durmir in dal granar. I vasti lasai pur davanti al fogh a sugar.”

I du soget ringraziano e così fanno.

Nov mees dop Jusfen al ricev  na lettra dal notaio ch’a cura gl’interessi dla vedva e, subit, al va a catar l’amigh Ghirard.

“Dimm un poc Ghirard, at arcordat cla simpatica vedva che nov mees fa la sa dat ospitalità, in dla vall, quand a piuviva acsè fort?”

“Sè” al rispond Ghirard, ”

“e, par caas,” al continua Jusfen,

“an n’è brisa che, durant la nott, t’av lazà al granar pr’andar a catar la vedovella?”

“L’è verà” al confessa Ghirald.

“E, sempar par caas,” al continua Jusfen,

“an n’è che t’av druà al mè nom inveci dal tuo?”

Ghirard, tutt ross al confessa:

“L’è vera, voot dir ch’l’è armasa incinta e la vol che mè  ripari?”

E Jusfen:

“no…no.., sta tranquill, l’è sol che la donna l’è morta in n’incident e la m’ha lasà tutt quel ch’la posidiva!”

Suggerita da Alberto Barelli

Traduzione

Jusfen e Ghirard  stanno passeggiando nella valle, arriva un temporale e, tutti bagnati, trovano ospitalità, per la notte, in una casa di campagna abitata da una donna giovane e vedova da poco.

“Mio marito è morto solo da alcuni mesi e non voglio che i miei vicini possano parlare male di me, quindi, per piacere, andate a dormire nel granaio, i vestiti lasciateli pure davanti al fuoco ad asciugare.”

I due soggetti ringraziano e così fanno.

Nove mesi dopo Jusfen riceve una lettera dal notaio che cura gli interessi della vedova e, subito, va a trovare l’amico Ghirard.

“Dimmi un poco Ghirard, ricordi quella simpatica vedova che nove mesi fa ci diede ospitalità, nella valle, quando pioveva così forte?”

“Sì, è vero””, risponde Ghirard.

“E , sempre per caso”,  continua Jusfen,

“non è che hai adoperato il mio nome invece del tuo?”

Ghirard, tutto rosso, confessa:

“E’ vero, vuoi dire che è rimasta incinta e vuole che io ripari?”

E Jusfen:

“no…no…stai tranquillo, è solo che la donna è morta in un incidente e mi ha lasciato tutto quello che possedeva!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *