Al dè d’incò

Commenti (0) Le barzellette della Lory

In cà ad Jusfen a ghè un surghen ch’al corr c’me un matt con adrè un gatt.
A un zert punt al sorag a gla cava a insfilsar un bus.
Intant ch’al s’arsora al sent baiar un can.
” Bon”, al pensa al sorag  “L’è rivàa al can, al smaris al gat e a son saluv”. Ma al na fa minga in temp a metar fora la testa ch’à ghè incora al gat ch’al la ciapa con i ongi.
“Ascolta”, al dis al sorag, “Prima che t’am magn, a voi saver un quel: cum’ela ch’à iò sintù abaiar al can ma tag se incora tè?”
“A son sta me a abaiar ” a dis al gatt.
“Ma cum’ela? Ma s’at se un gat!”
“Amico ” a dis al gat  “al dè d’incò s’an sa do lingui an s’magna minga!”
Suggerita da Andrea Castellazzi
Traduzione

In casa di Jusfen c’è un topo che corre come un matto inseguito da un gatto.

A un certo punto il topo ci riesce ad infilare un buco.

Intanto che si riprende sente abbaiare un cane.

“Bene”, pensa il topo,” è arrivato il cane, fa scappare il gatto e sono salvo.”

Ma non fa in tempo a mettere fuori la testa che c’è ancora il gatto che lo prende con le unghie.

“Ascolta”, dice il topo,”prima che mi mangi voglio sapere una cosa: com’è che ho sentito abbaiare il cane ma ci sei ancora tu?”

“Amico”, dice il gatto, “al giorno d’oggi se non sai due lingue non si mangia!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *