I have a dream

Commenti (1) Via Milazzo - Franco Gambuzzi

Mirandola-13

I HAVE A DREAM
Nonostante possa sembrare presuntuoso, un titolo del genere, per il sogno che ho sognato, mi pare appropriato.
Il fatto è che stanotte ho veramente fatto un sogno strano, “particolare” sarebbe più opportuno definirlo.
Eh, si, devo aver mangiato pesante ieri sera! Dunque.

Ero tornato a Mirandola dopo molto tempo dall’ultima volta in cui c’ero stato.
Camminavo di notte su per un listone deserto, verso il Municipio, quando, prima ancora di accorgermi che non aveva più impalcature, mi sentii chiamare per nome.
Sorpreso mi giro e scorgo qualcuno, alto e benmesso, che, uscendo dal voltone di via Milazzo, mi si avvicina sorridendomi.
Ho fatto fatica a riconoscere in quell’ombra Marione, il mio caro e vecchio amico d’infanzia.
Non faccio in tempo ad esternargli la mia meraviglia nel vederlo, vivo e vegeto, che lui:
– Ciao, cm’stat ? Am par ch’al sia dimondi che t’han ven a la Mirandla?-
– Eh, ien soquant ann ormai, subit dopp al teremott.-
– Agh’nè vlu, ma agh semm saltà fora. L’è stada dura ma la nostra testa l’è ancorra più dura. La ricostrusion l’è sta al meno, dopp tri o quattr’ann tutti al fabrichi e al cà ieran quasi tutti a post, al problemma le stà farla vivar sta sità. Far turnar la gent in manera ch’la gh’a stagga e cl’ann vagga più via.-
– Amarcord, angh’era più buteghi in piassa!-
– Fussia sol quell. E’ sta fatt un lavor gigantesch dal’aministrasion, sia quei da primma che quei d’adessa. An gh’è partii c’a tegna. Un miracul, ian truvà na linea comuna par al ben d’la sità. Ah, l’è stada la part più difficila.
Adess da st’ora al buteghi ien saradi, ma t’avdiss ad gioran agh muviment, tanta gent la s’avdiva sol ad sabat. Al sindac l’ha ciamaa i padron ad cà e i sindacat e insemm ian stes un protocoll d’intesa per far in manera che al buteghi i turnessar in dal stradi dal sentar. A s’è previst di cuntratt d’afitt ad vint’ann con un afitt dimondi bass ma a cressar pian pian in manera d’arivar a regim alla fin di vint’ann. Questa l’è stada la mossa decisiva, insemm ai incentiv pr’i zsovan par verrar dagli atività novi. Al sat che in sta manera la zgent l’è turnata a pruvar al piaser ad far la spesa a pè sott cà tutt i dè, invece d’andar ala coop na volta la smana in machina. A par che is’sian acort che in sta manera as risparmia. At compar sol quel che at serviss.
– Diobon, fantastic! Ma al Teatar e la multisala?-
– Al Teatar a gh’è na stagion operistica e una teatral che il tenan ocupà par tutt l’ann. E po’ da poc i’organizzan al Festival dl’a Memoria. T’han pol imaginar quanta zsent la porta. I oraganizzan di convegn al Castel, al Teatar, ala Fenice (la nova Fenice i l’han tirada forra dal Palass dl’a Milisia) e al cinema di pret, l’Italia, tl’arcordat? Dl’a multisala ninsun n’in dascorr più, tropp custos da gestir. Tropp cement. I pret ian calaa al braghi e con un pressi irisori i l’han afitaa a na coperativa cultural che all’ha miss a post. La Fenice l’è rientrada in dl’a ristruturasion dl’a Milisia. A par ch’agh sia qualchidun, in piassa as dascor d’na curdada d’industrial dal biomedical, che al vol subentrar. E po’, t’arcordat la palestra indus’andava nuantar par ginastica? L’è dvintà un cinema e il gestissan na asociasion ad genitor. Ad palestri a Mirandla agh’ne in abundansa.
– E l’usdal?
– L’usdal, ecco l’usdal l’è sta un gross problemma. L’è stada dura. At savuu dal referendum? L’è sta adeguaa al novi tecnologi e al par turnaa ad essar na risorsa per tutta la bassa. Sperem. A proposit, al sat che i dascors per far un unic cumun dl’a bassa ien dimondi avanti? Al s’è vist par l’usdal. A par che gl’ultmi riservi i sian cascadi, superadi dalla cunvinsion che sol con un cumun gross as possa cuntar di più in region. La prova dl’a colaborasion tra i cumun l’è stada, doppa l’usdal, al pian dal pisti ciclabili. Al sat che da Mirandla as pol andar a Frara, a Po, a Modna e a Guastala, sensa smuntar dalla bicicletta, raccordandas con quelli già fatti. E al bell l’è che ien in aperta campagna, luntan dai fum da scaragh dal machini. Al pisti i passan in campagna e i cuntaden, cuntrari da sempar, ien i più cuntent. La zsent la passa, l’as ferma e la compra la frutta e i salam, al lat e al furmai. Ma al sat che soquant ian pinsaa ad metar su di bed&brekfast con al bicicletti a nolegg compresi in dal pressi? At devv vedar, durant al Festival dl’a Memoria, quanti bicicletti a gh’è in girr. L’è un piaser. Pensa che ian organiza su Internet un sitt con tutti gli oferti, sia da magnar che da durmir. Se, propria vera, al turism l’è dvintà na risorsa impurtanta, par tutta la Bassa. Al Museo dal Castell e a la Piev ad Quarantul as fa la fila in quei dè par andar dentar. I lavor in San Francesc i vann avanti anch se pian pianen.
– Mah, e al Canalett…?
Marione mi guarda divertito e, nel toccarmi la spalla, la sua risata si confonde con la vibrazione dell’Iphone che mi sveglia riportandomi alla realtà di una mattinata nevosa e grigia.
Si, vero, devo mangiare meno pesante la sera.

Franco Gambuzzi

One Response to I have a dream

  1. Roberto Gisberto Pollastri scrive:

    Mi sono veramente commosso e … forse anche un po’ arrabbiato . Possibile che gli amministratori , che dovrebbero avere a cuore il bene comune , non abbiano preso in considerazione ciò , che con grande lucidità , il Sig. Gambuzzi ha esposto in questo testo ? Io sono un mirandolese in esilio , sono più di quarant’anni che vivo a Modena , ma non ho mai scordato la mia Mirandola . Non dimentico gli anni più belli della mia vita , qui è nato mio figlio, qui mi sono sposato , qui ho incontrato la donna della mia vita e soffro nel vedere questa bella “Signora” caduta così in basso . Vorrei ritornare a vedere tutti gli angoli di questa meravigliosa città come erano prima del terremoto , anche la scaletta , di cui mi è rimasta solo una fotografia scattata quaranta anni fa .Buona fortuna Mirandola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *