Fraulèn, Armando Secchi (scutmai)

Commenti (0) Mirandolesi razza ariana

Chè a g’avrev un romanz cume Guerra e Pace par descrivar al personagg. Am limit sol a un anedot:

Cume adess a gh’è i tersista ca fa i “tubèn” in dal biomedicale, ai temp ad l’IRCA, azienda già citata dall’autore, a gh’era quei che a rilevava i stòc e i’ià vindiva sul marcà libar.

Fraulèn, si dice, l’arev cumprà tutt al magazèn e al se miss a vendar i ciocolatèn in piàsa al marcà: “100 lire, na manada “.

Ariva un biolc con na man ca simbrava na badila, al paga sent franc e al toz su du o tri chilo ad ciocolatèn e pò, ridendo furbescamente, al dis: “A t’ho ciavà, ehn?”.

Al chè Fraulèn (ca g’manca l’esse, ma tutt chiatri letri al li sa druvar ben dimondi) con nonsalans al g’ha rispost: “speta ad magnari e a’vdem chi di du è armaz ciavà!”

Adess a n’al ved minga spess in piàsa; da quand i g’ha dat al ciav dal Casinò ad Venesia, a par c’al sia sempr’impgnà.

Tratto da “Mirandolesi razza ariana” di Gianni Bellini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *