Bello a sapersi – 1922 partono i lavori della linea ferroviaria Mirandola-Concordia-Novi-Rolo.

Commenti (0) Bello a sapersi - Maurizio Bonzagni

Maurizio Bonzagni

Maurizio Bonzagni

Chimico, nato a Mirandola nel 1958, ha lavorato a lungo come responsabile vendite presso una multinazionale di materie plastiche ma è soprattutto un appassionato di storia locale di cui è da anni un attento lettore. Dopo aver arricchito la propria biblioteca di numerosi testi su Mirandola e la Bassa Modenese e raggiunta recentemente la pensione ha iniziato la collaborazione con Al Barnardon per condividere e contribuire a divulgare la splendida storia delle nostre terre, spesso sconosciuta o ignorata da molti dei suoi stessi abitanti.

la-storia-dal-trenn-dal-cucc_new

Partono i lavori del progetto del 1913 di una ferrovia Mirandola-Concordia-Novi-Rolo per poi innestarsi nella linea Modena-Mantova-Verona.

Lavori più volte interrotti e definitivamen­te abbandonati dopo la seconda guerra mondiale, con stazioni nei vari paesi, ponti e caselli già costruiti, con mancante la sola posa delle rotaie541.

Nel 1932 la linea esistente Modena-Mirandola verrà prolunga­ta fino al punto di connessione con la Mirandola-Rolo in pro­gettazione, con la costruzione della nuova stazione centrale, sui viali di circonvallazione.

541. F.VERRI, Il Ventennio fascista, in «Fatti e figure della Mirandola. Storia, arte, società dal calare dell’ottocento al terzo Millennio», Ed. Al Barnardon, Mirandola 2000, pp 221-222.

 Tratto dal libro di Maurizio Bonzagni:

“Mirandola e la Bassa Modenese – Storia di una capitale dall’Alto Medioevo a Città di Provincia”

Edizioni: Al Barnardon

Il libro è in vendita nelle edicole e librerie di Mirandola, a Concordia, San Possidonio e Cavezzo.

€ 15.00

COVER_Mirandola e la bassa modenese (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *