1970 – Dal diario di Vilmo Cappi –

Commenti (0) Racconti

mirandolano2 (FILEminimizer)
1880

St’ann chè a la Mirandula as festeggia i zent’ann dal Barnardon.

Par zent ann al Barnardon l’à seguii gl’i aveniment d’la zita, bèi o brutt ch’ i fussan, da la guerra d’Abissinia a quella d’ Libia, da la guerra mondiale delle Nazioni a l’ultma guerra mondiale; l’à seguii la vita dla zita, la sottolineâ la nascita di  edifìzi man man ch’i gnivan fatt, l’usdàl, l’asilo infantile, il scòli elementari, al Ginnasi, al Camp sportiv e tant atar fin a la casa per anziani e a la piscina; l’à sempar dit la sua che dimondi volti l’era quella giusta. L’à seguii i aveniment sportiv e quéi dal Teàtar; al Barnardon in zent ann l’à fatt la storia, in piccul, d’la Mirandula.

Quattr’ o zinch mirandulês i ànn pinsâ ad ringraziar al lunàri e i ànn fundâ un Ordine Cavallere­sco intitulâ l’Ordan dal Barnardon con tant ad collare ad latta da mettras ai coll con inzima la figura dal gran Strólagh che al guarda al ciel da un luminaròl con al sò canuccial, da dar tutt i ann in dal cors d’na cerimonia apòsta, a un mirandules ad ghigna. I àn anch pinsâ ad far un libar par ricurdar e onorar al Barnardon, con la sò storia e con al più grand numar ch’as possa ad riproduzion dal lunàri cuminciand dal più vecc.

I gh’en atacch in dû a sta libar, che mé i cgnoss : Dio a vòia che la vaga a finir ben ! In sta libar agh sarà numinâ anch di atar lunàri mirandulês e ad la zona ch’i ànn precedù al Barnardon, tutt però scritt in italian : il Miran- dolano, un più bell e interessant ad cl’atar.

Parchè a duvii savêr che a la Mirandula a gh’era una vera e propria tradizion in génar ad lunàri, anche se di lunàri in dal sens ad disgrazii e d’inconvenient agh n’é sempar sta, tradizionalment, in tutt i post dal mond. A sembra che al prim lunàri da sta serie, ch’al s’ ciamava « il Gran Mirandolano » al sia nâ a Carp, almeno duzent ann fà, invintâ e scritt da certo don Giovanni Paltónièri ch’ i dgivan Don Dùca e pò al Mirandolano, nâ a Rôl, ch’al fava al prêt a Carp in dal 1775, ch’in n’eran ancora stâ fundâ i Stat Uniti d’Ame­rica, ch’an n’era ancora scuppiâ la Rivoluzion Francese, ch’iva ancora da nassar al Duca d’ Môdna ch’à fatt cuppar Menotti.

Par dir i ann ch’al gh’à. L’era fatt in un fòi, da incullar a l’uss ad cusìna o a la porta d’la stalla, cum’é al Barnardon, e anch sotta forma d’un libren da tgnir in bisacca. Al ripuntava anch al Calendàri di i Ebrèi. Cum’é figura al gh’iva ûn, quasi culgâ par terra (i l’ivan fatt culgâ par via che la figura la tgniss meno post) ch’al guardava con un canuccial la luna e il stelli par trarr i sò pronostich da scrivar. Chissà se al m’avrà vist mé, culgâ a lett, ch’am piâs ad scrivar culgâ, ch’al guard lù stampà in zima a na carta veccia ad duzent ann; chissà se alora l’avrà previst che mé agh vói ben cum’é s’al fuss viv, parchè al s’é fatt ciamar al Mirandolano e parchè l’à vlû ricurdar con sta nom la mé Mirandula.

Traduzione

Quest’anno alla Mirandola si festeggia i cent’anni del Barnardon.

Per cent’anni il Barnardon ha seguito gli avvenimenti della città, belli o brutti che fossero, dalla guerra d’Abissinia a quella di Libia, dalla guerra mondiale delle Nazioni all’ultima guerra mondiale; ha seguito la vita della città, ha sottolineato la nascita di edifici man mano che venivano fatti, l’ospedale, l’asilo infantile, le scuole elementari, il Ginnasio, il Campo sportivo e tant’altro, fino alla casa per anziani e la piscina; ha sempre detto la sua che molte volte era quella giusta. Ha seguito gli avvenimenti sportivi e quelli del Teatro; al Barnardon, in cento anni, ha fatto la storia, in piccolo, della Mirandola.

Quatto o cinque mirandolesi hanno pensato di ringraziare il lunario e hanno fondato un Ordine Cavalleresco intitolato l’Ordan dal Barnardon, con tanto di collare di latta da mettersi al collo con sopra la figura dal gran “Strolagh” che guarda dal suo lucernaio con il suo cannocchiale, da dare tutti gli anni nel corso di una cerimonia apposita, ai mirandolesi “ad ghigna”. Hanno anche pensato a fare un libro per ricordare e onorare Al Barnardon, con la sua storia e con il più gran numero che si possa, di riproduzioni del lunario cominciando dal più vecchi.

Ci sono attorno in due a questo libro, che io conosco: Dio voglia che vada a finire bene! In questo libro ci saranno nominati anche degli altri lunari mirandolesi e della zona, che hanno preceduto il Barnardon, tutto però scritto in italiano: il Mirandolano, uno più bello ed interessante degli altri.

Perché dovete sapere che alla Mirandola c’era una vera e propria tradizione in generale dei lunari, anche se di “lunari” in senso di disgrazie, e di inconvenienti ce ne sono sempre stati, tradizionalmente, in tutti i posti del mondo.

Sembra che il primo lunario di questa serie, che si chiamava “Il Gran Mirandolano”, sia nato a Carpi, almeno duecento anni fa, inventato e scritto da certo don Giovanni Paltonieri che chiamavano Don Duca e poi il Mirandolano, nato a Rolo, che faceva il prete a Carpi nel 1775, che non erano ancora stati fondati gli Stati Uniti d’America, che non era ancora scoppiata la Rivoluzione Francese, che doveva ancora nascere il Duca di Modena che ha fatto ammazzare Menotti.

Per dire gli anni che ha. Era fatto in un foglio, da incollare all’uscio della cucina o alla porta della stalla, come il Barnardon, e anche sotto forma di un libretto da tenere in tasca. Riportava anche il Calendario degli Ebrei. Come figura aveva uno, quasi coricato per terra (l’avevano fatto coricare per far sì che la figura occupasse meno posto) che guardava con un cannocchiale la luna e le stelle per trarre i suoi pronostici da scrivere. Chissà se mi avrà visto, coricato a letto, perché mi piace scrivere coricato, che lo guardo stampato sopra una carta vecchia di duecento anni; chissà se allora avrà previsto che gli voglio bene come se fosse vivo, perché si è fatto chiamare il Mirandolano e perché ha voluto ricordare con sto nome la mia Mirandola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *